A Raposa e as uvas – fábula de Monteiro Lobato

By | 07/05/2013

Morta de fome, uma raposa foi até um vinhedo sabendo que ia encontrar muita uva. A safra tinha sido excelente.

Ao ver a parreira carregada de cachos enormes, a raposa lambeu os beiços. Só que sua alegria durou pouco: por mais que tentasse, não conseguia alcançar as uvas.

Por fim, cansada de tantos esforços inúteis, resolveu ir embora, dizendo:

– Por mim, quem quiser essas uvas pode levar. Estão verdes, estão azedas, não me servem. Se alguém me desce essas uvas eu não comeria.

Às vezes deixamos de aceitar ou corrigir nossas deficiências, assim como a Raposa inventou que as uvas estavam verdes e azedas, e começou a desdenhar o que não se conseguiu conquistar.

 



 

4.200 Visualizações

24 thoughts on “A Raposa e as uvas – fábula de Monteiro Lobato

    1. tel

      e mintara adoro essas fabulas ou seja amo todas elas hooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo lol

      Reply
  1. tel

    chatoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    Reply
  2. yasmin

    Esse conto é muito chatooooooooooooooooooºoooooooooooooo

    Reply
  3. agata

    Esse livro é meio legal????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

    Reply
  4. Ana Maria

    Mei legal sofoi chato porque ela desiste depois de multas tentativa

    Reply
  5. Tayna frança correa

    Não é muito legal realmente não é legal realmente
    É chatooooooooooooooooooooooo…
    Olha da proxima faz uma fabula melhor ta.
    Faz um assim a cachorrinha da cidade e o cachorro do campo.ok!!!????????????????????????????????????????????????
    Tayna frança correa????????…

    Reply
  6. Pingback: Sétima Prosa – O conformador com o mundo – Multiprosas

  7. marilice costi

    Prezados
    Esta fábula é de Esopo. Se Monteiro Lobato tem em seus livros, copiou dele. Depois ela se espalhou em diversas paráfrases… Minha mãe, que teria quase cem anos, estudou no primário e leu as fábulas de Esopo. Conheci o livro dela e o revi na Biblioteca Estadual do RS, em Porto Alegre. Desculpa me intrometer, mas me incomoda muito o nome de outras pessoas ou o uso de tantos nomes de escritores para textos divulgados que não são de sua autoria. É como dizer que o filho não é seu.
    Abraços

    Reply
  8. marilice costi

    Prezados
    Esta fábula é de Esopo. Se Monteiro Lobato tem em seus livros, copiou dele. Depois ela se espalhou em diversas paráfrases… Minha mãe, que teria quase cem anos, estudou no primário e leu as fábulas de Esopo. Conheci o livro na Biblioteca Estadual do RS. Desculpa me intrometer, me incomoda o uso de tantos nomes de escritores para textos divulgados que não são de sua autoria. É como dizer que o filho não é seu.
    Abraços

    Reply
  9. Danilo

    Legal e curto mas chatoooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo

    Reply

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado.